Stampa questa pagina

Adesso grana

ADESSO GRANA è un Patto Solidale (vedi i dettagli del patto) di tipo nuovo: ad esso infatti è collegato anche un progetto territoriale. I GAS che lo sottoscrivono, impegnandosi all'acquisto di almeno 1 forma intera di Grana Padano Dop 24 mesi (circa 34 kg) in un unico ordine, alimenteranno, insieme con il produttore, il Biocaseificio Tomasoni, un Fondo di Solidarietà, che in gran parte andrà a sostenere la costituzione di una cooperativa di comunità con tutti gli Attori della rete territoriale costruita da Massimo Tomasoni.

Il patto ADESSO GRANA definisce:

  • costi trasparenti della filiera di produzione della grana;

  • un  prezzo "ECO", coerente con i costi trasparenti, da proporre ai GAS pattanti che sottoscrivono con questo patto l'impegno ad acquistare 1 forma intera di Grana Padano Dop 24 mesi (circa 34 kg) in un unico ordine;

  • condizioni di fornitura ecologiche, economiche e uguali per tutti i GAS pattanti;

  • un Fondo di Solidarietà alimentato in parti uguali dal produttore e dai GAS pattanti nella misura di 50 centesimi per ogni kg di grana venduto (50% Tomasoni e 50% i GAS). Il fondo verrà destina all'80% al Fondo di Solidarietà Territoriale per lo sviluppo di un progetto di economia solidale e al 20% al Fondo di Solidarietà e Futuro di CO-energia. Inoltre,sull’acquisto della 2° forma di grana, Tomasoni si impegna a destinare altri 50 centesimi al Fondo di Solidarietà Territoriale;

  • un sistema di garanzia partecipata che entra nel merito di ogni fase e che fornisce anche ai GAS pattanti modalità di partecipazione al progetto territoriale.

 

IL COSTO TRASPARENTE DEL GRANA

Di seguito gli accordi condivisi dal Gruppo misto che ha discusso le condizioni del patto:
- costo trasparente: 14€/kg (si vedano nella tabella le singole componenti)
- prezzo giusto: 14,50€/kg per i GAS pattanti (prezzo attuale per i GAS: 15,20€ kg.)
- Fondo Solidarietà e Futuro: 0,50€ al kg. (1/2 a carico di Tomasoni e 1/2 ai GAS)
- FSF: 80% al progetto territoriale e 20% a CO-energia
- acquisto minimo per i GAS pattanti: 1 forma (circa 34 kg ---> 500€) in un unico ordine
- obiettivo 2021: 500 forme (vendita 2020: 243 forme da 200 GAS)
- 'forma sospesa' per i piccoli GAS: confezioni di 8 pezzi da 1kg.

Con Massimo Tomasoni è stato semplice raggiungere l’accordo sul patto per il proficuo processo di apprendimento solidale, avviatosi con la relazione innovativa del 2009 con i GAS e Mag2: “In collaborazione con i Gruppi di Acquisto Solidale desideriamo continuare ad essere garanti e divulgatori di una economia che opera nel rispetto dell’uomo, delle risorse e dell’ambiente in cui viviamo” (dal sito del Biocaseificio).

Per merito dei risultati del rapporto di collaborazione e fiducia reciproca, misurati nel tempo dalla lettera di ogni fine anno inviata ai GAS, è stato possibile condividere il senso specifico del patto: uno strumento di mutuo aiuto, che prefigura un mondo diverso in cui la differenza tra costi e ricavi e la distinzione oppositiva tra produttore e consumatore siano sostituite da un processo di co-decisione sul prezzo in una relazione cooperativa: una visione che comporta la rinuncia al diritto di decidere il prezzo unilateralmente riferendosi implicitamente a quello di mercato.

 

IL PROGETTO TERRITORIALE

Il rapporto del Biocaseificio con il territorio è una scelta strategica, che ha portato nel tempo a privilegiare l’utilizzo di latte da agricoltura biologica proveniente da due allevatori della bassa bresciana e anche:
- il supporto alla valorizzazione della produzione di miele e al bed&breakfast della Cascina Bertoldosso, di Gottolengo, favorendo un finanziamento da parte di Mag2
- il coinvolgimento della rete di produttori locali nella fornitura alle mense scolastiche e di altri Enti pubblici del territorio, sostenuto dal Comune, da Mag2 e da RES Lombardia, che ha tenuto a ottobre 2020 una riunione di Consiglio allargato a Gottolengo e partecipato alle riunioni di avvio del progetto

L’obiettivo attuale di Massimo Tomasoni è di costituire una cooperativa di comunità con tutti gli Attori della rete territoriale costruita nel tempo, come motore di una “comunità locale del cibo” che tuteli e valorizzi le produzioni agricole locali, lo sviluppo di filiere corte, il recupero delle coltivazioni tradizionali, la condivisione dei saperi, la partecipazione attiva della cittadinanza.

È questo il percorso che il Fondo di Solidarietà Futuro alimentato dal Patto è chiamato a sostenere.

 

DOCUMENTI

>>> Patto Adesso grana
>>> Costi trasparenti
>>> Progetto Cooperativa di Comunità
>>> Lettera ai GAS