La campagna di raccolta firme per la proposta di legge regionale sulla economia sociale e solidale sta ottenendo un ottimo successo. Il tetto delle 5000 firme necessarie perché la legge venga discussa e approvata dal Consiglio Regionale della Lombardia è stato già ampiamente superato!

Il merito di questo risultato va sicuramente allo straordinario lavoro congiunto di tutta la società civile lombarda, soprattutto della Rete di Economia Solidale Lombardia e di tutti i Gruppi di Acquisto Solidale che si sono attivati in prima persona, a marzo 2019, quando è stata presentata la proposta di legge. Ma non ci fermiamo qui: ci sono ancora due mesi per aumentare ulteriormente il bacino delle firme, fino al termine del periodo utile per la raccolta delle stesse (fissato dalla normativa regionale al 7 settembre).

Cosa prevede la proposta di legge?
La proposta di legge, dal titolo “Norme per la valorizzazione, la promozione e il sostegno dell'economia sociale e solidale”, è stata promossa dal Biodistretto per l'Agricoltura Sociale, dalla rete di Cittadinanza Sostenibile, da RES Lombardia e dal Forum del Terzo Settore Lombardia ed è stata elaborata nei mesi scorsi riprendendo alcuni modelli e contenuti delle leggi regionali di Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia sul medesimo tema.

La proposta di legge prevede il riconoscimento da parte della Regione dei soggetti operanti nell’Economia sociale e solidale e la promozione di interventi volti a sostenere lo sviluppo del modello di economia solidale e sociale. Questo modello rappresenta una crescente fetta di imprese in Europa e una valida e reale alternativa alle logiche economiche ‘tradizionali’.

La proposta di legge prevede inoltre l’istituzione di:
- un forum regionale dell’economia sociale e solidale, che si occuperà di elaborare pareri e proposte, organizzare attività di divulgazione e sensibilizzazione e fornire dati per le strategie di sviluppo;
- un comitato scientifico dell’economia sociale e solidale, per svolgere ricerche e indagini di settore su richiesta del forum.

Avranno infine un ruolo importante anche i distretti territoriali dell’Economia sociale e solidale per favorire l’incontro tra le istanze della società civile e ciò che l’Economia sociale e solidale offre in termini di beni e servizi per la collettività nel rapporto con gli enti locali, organizzare iniziative sui territori, promuovere l’Economia sociale e solidale sui territori, interfacciarsi con le scuole, favorire l’emergere di opportunità occupazionali che indirizzino studenti e studentesse verso lavori o forme di auto-imprenditorialità nell’ambito dell’Economia sociale e solidale.

SCARICA IL TESTO DELLA PROPOSTA DI LEGGE, IL COMUNICATO STAMPA E IL VOLANTINO

Per ulteriori informazioni consultare www.economiasocialesolidalelombardia.it
Pubblicato in Notizie

Una settimana densa di incontri e iniziative aperte alla cittadinanza, in cui, alle quotidiane pratiche di cura e solidarietà, si affiancano pratiche di responsabilità fondate sulla tutela dell’ambiente. Questa è, in breve, la proposta della Fondazione Casa della carità, che lancia la sua prima “Settimana Ecovirtuosa”, che si svolgerà dal 4 al 10 luglio, presso la propria sede di via Brambilla 10 a Milano.

Tra gli argomenti che saranno affrontati nell’arco dei sette giorni, anche la proposta di legge regionale sull’economia solidale e sociale introdotta da Davide Biolghini, presidente di CO-Energia, per raccogliere e dare forma ai tanti ingredienti che dal basso si sono mescolati attorno a un’economia che vuole essere diversa da quella attuale.

Le attività saranno rivolte sia a chi vive la Casa, quindi ospiti, operatori e volontari, che a tutta la cittadinanza.

SCARICA IL PROGRAMMA DELL'INIZIATIVA

Per informazioni: www.casadellacarita.org/settimana-ecovirtuosa-2019

Pubblicato in Notizie

E tra poco anche pomodoro e riso potranno essere acquistati tramite patti di solidarietà, grazie a CO-energia, associazione nata all’interno del tavolo per la Rete Italiana di Economia Solidale.

Fino a dove si può spingere l’acquisto solidale? Forse quando si fa fatica a distinguere tra produttore e consumatore, allora possiamo dire di essere nella direzione giusta. Almeno per pasta, riso e pomodoro.

IL PROGETTO ADESSO PASTA!
C’è una Cooperativa nelle Marche che fa pasta biologica dal 1980. Ci sono dei consumatori che non si accontentano più del prodotto a marchio biologico, ma vogliono sapere la storia di ogni chicco di grano, e sono disposti a sostenere un progetto che fa bene a loro e fa bene al territorio.

In quest’ottica nasce Adesso Pasta!, il patto fra consumatori e produttori, che si sostengono a vicenda, che alimentano un Fondo per progetti di Economia Solidale, permettendo ad una bella realtà di prosperare, ed entrando a fondo nel processo produttivo, con un livello di trasparenza al 100%.

Il patto funziona, e ora c’è una linea produttiva in confezioni familiari da 3kg, con marchio proprio ADESSO PASTA!, destinata ai soli GAS che aderiscono al patto, per la quale la Cooperativa La Terra e il cielo si impegna ad utilizzare esclusivamente cereali prodotti dai propri soci e rinuncia all'utile proprio del 3% . Oggi gli acquisti dei GAS attraverso il patto coprono l'8% del fatturato totale della Cooperativa e il Fondo di Solidarietà e Futuro ha accumulato complessivamente € 16.500 (2008-2015). Nel solo esercizio 2014-15 ha raggiunto i 4.300 euro. Grazie a questo fondo, la cui destinazione viene deliberata collegialmente tra gli attori del patto, è stato possibile in questi ultimi anni supportare progetti ed attività di Economia Solidale in Italia. Nella pagina del Fondo di Solidarietà e Futuro, trovi i dettagli dei progetti supportati.

Si tratta della prima produzione solidale su scala nazionale nella quale sfuma la distinzione tra consumatori, produttori e distributori, verso un'impresa che diviene bene comune. I gas che ne fanno parte sono sempre di più, serve qualcuno che tiri le fila, e interviene CO-energia, associazione nata all’interno del tavolo per la Rete italiana di Economia Solidale che già si era occupata di patti solidali tra produttori e consumatori in abito energetico (qui la convenzione con Dolomiti).

IL RUOLO DI CO-ENERGIA
CO-energia si fa portavoce dei Gas che aderiscono al patto, e ogni anno, anche quest’anno, incontra la Cooperativa, e insieme, insieme, si decide un prezzo che va bene a tutti, che soddisfa coltivatore, produttore e consumatore, senza né vincitori né vinti. Anzi, sul podio, c’è l’Economia Solidale.

Ma non basta. Ora la coop.va La Terra e Cielo attraversa una fase di crisi dovuta al dilagare del biologico industriale venduto dalla Grande Distribuzione organizzata. È necessario quindi aumentare sia le adesioni al Patto Adesso Pasta! che gli acquisti di prodotti della Cooperativa. Le prospettive di crescita ci sono, lo strumento dei patti funziona, si entra in sinergia, si sostiene un'azienda EcoSol in crisi, si continua a costruire assieme un prodotto più buono, sotto tutti i punti di vista. E poi si potrà lavorare per il pomodoro. E per il riso. Filiere condivise, problematiche aziendali esaminate insieme, solidarietà tra famiglie e lavoratori, rispetto del territorio. Come gasisti, come acquirenti, come ingranaggi di uno stesso mondo. In cui tutti stiamo dalla stessa parte.

Aspettiamo vostri riscontri concreti! Scriveteci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Notizie

Dal 30 settembre al 1° ottobre si terrà a Mira (vicino Venezia, Villa dei Leoni, Riviera S. Trentin, 5) INES 2017 ”Prima di tutto l’economia è avere cura di sé, degli altri, del Mondo” - l'Incontro nazionale di economia solidale.

Il tema sarà "Il passaggio da Distretti a Comunità distrettuali" e si articolerà in 4 sessioni:
- DALLE RETI ALLE COMUNITÀ
- FLUSSI E FILIERE
- RI-TERRITORIALIZZARE E RI-SOCIALIZZARE L'ECONOMIA
- CITTADINANZA/DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

Tanti temi ed esperienze ecosol innovative: dalle CSA (Community Supported Agricolture - Agricoltura sostenuta dalla comunità) ai SPG (Sistemi di Garanzia Partecipativa). Ascolteremo le proposte dei GdL nazionali (Sovranità Alimentare, Comunicazione, EBC (Economia del Bene Comune), BdG (Bilanci di Giustizia), RES, Ricerca... E per concludere INES 2017, un appuntamento da non perdere: domenica pomeriggio Tavola rotonda/confronto con i promotori della "Rete di Reti": Associazione Decrescita, EBC, Italia che Cambia, Movimento Decrescita Felice, Panta Rei, Rete Italiana Villaggi Ecologici, Transition Italia.

Qui trovate il programma completo e il modulo per ISCRIVERSI:
https://socialbusinessworld.org/events/event/view/839531/ines-2017-%E2%80%9Dprima-di-tutto%E2%80%9D-incontro-nazionale-di-economia-solidale-mira-ve-dal-30-settembre-al-1%C2%B0-ottobre

La partecipazione è gratuita; iscrivendovi, faciliterete il lavoro degli organizzatori.

Vi ricordiamo inoltre, che dal 27 al 29 settembre 2017, sempre a Mira, si terrà la Scuola dell'economia solidale "Tessitrici e tessitori di relazioni di comunità".

Qui trovate il modulo per ISCRIVERSI
https://socialbusinessworld.org/events/event/view/838571/scuola-associata-ad-ines-17-tessitrici-e-tessitori-di-relazioni-di-comunita

Costo di iscrizione a tutta la Scuola 100€ / Costo di iscrizione a singole sessioni: 30€ (comprende i materiali di supporto, tra cui il libro "I dialoghi dell'Economia solidale")

Per informazioni, scrivete alla segreteria:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

COME RAGGIUNGERE MIRA

AUTOBUS
Mira è raggiungibile in autobus utilizzando i mezzi ACTV della linea Venezia – Padova che partono circa ogni 15-30 minuti da Venezia (Piazzale Roma), da Mestre (Piazza XXVII Ottobre) e da Padova (stazione corriere piazzale della Stazione ferroviaria) linea extraurbana n. 53.
Gli autobus che collegano Mira con Mirano (capolinea in via Cavin di Sala) e Dolo sono quelli della linea extraurbana n. 56.

Biglietti: il biglietto può essere acquistato presso le rivendite autorizzate, in genere le edicole o le tabaccherie.
Orari:gli orari, i percorsi delle linee e le tariffe possono essere consultati sul sito dell'ACTV www.actv.it

a chi rivolgersi
Omnibus - Trasporto urbano per la stazione dei treni Mira-Mirano

E’ attivo un servizio di trasporto urbano che consente di raggiungere la stazione ferroviaria Mira – Mirano in coincidenza con alcuni treni diretti a Venezia e a Padova.

Biglietto: il biglietto può essere acquistato a bordo dell’Omnibus al costo di € 1.10
Orari: Gli orari, così come il percorso, possono essere consultati sul sito dell’Actv www.actv.it

AUTOMOBILE

Per chi proviene dall’autostrada A57, conosciuta come tangenziale di Mestre, le uscite sono quelle di Borbiago/Mira (Km 5,5) e di Dolo/Mirano (Km 7). L’uscita di Borbiago/Mira è vicina al parcheggio “scambiatore” gratuito della stazione ferroviaria Sfmr Porta Ovest, che permette di raggiungere Mestre e Venezia in treno.
Mira è collegata a Padova e Venezia dalla S.R. 11.
Dall’autostrada A4, chiamata anche passante di Mestre, l’uscita più prossima a Mira è quella di Spinea/Crea (Km 7,5).

TRENO

La stazione dei treni più prossima a Mira è quella di Mira-Mirano. Dal centro di Mira alla stazione ferroviaria sono circa 4 Km. E’ attivo un servizio locale di trasporto urbano, Omnibus il cui orario e tragitto è consultabile sul sito www.actv.it

La stazione ferroviaria di Mestre, che si trova a circa 12 Km da Mira, è collegata con Mira dal servizio degli autobus ACTV linea extraurbana 53 (orari e tragitto consultabile sul sito Actv) www.actv.it, o da servizio taxi.

Biglietti: Il biglietto del treno, per chi parte dalla stazione di Mira-Mirano, deve essere acquistato presso le tabaccherie in prossimità della stazione ferroviaria.
Orari: Per le partenze e gli arrivi dei treni a Mira-Mirano si può consultare il sito www.trenitalia.com

AEREO

Aeroporto Marco Polo
Sito: www.veniceairport.it/core/index.jsp;jsessionid=2GXFEEHYZFPDDQFIAIBCFEY?_requestid=126943

L’aeroporto di Tessera è a circa 27 km da Mira.
Dall'aeroporto di Venezia si raggiunge la stazione ferroviaria di Venezia-Mestre e da qui si raggiunge Mira con la Linea ACTV extraurbana n. 53 Venezia-Padova.

Aeroporto Antonio Canova
Sito: www.trevisoairport.it/index_safe.html

L’aeroporto di Treviso è a circa 44 km da Mira.
Dall'aeroporto di Treviso tramite autobus si raggiunge la stazione ferroviaria di Mestre e da qui si prosegue con la linea ACTV extraurbana n. 53 Venezia-Padova.

Pubblicato in Notizie
Mercoledì, 07 Ottobre 2015 23:00

"L'altra bolletta" il 7 ottobre a Cesate

Si parla anche di energia nell'ormai tradizionale appuntamento con l'economia solidale a Cesate.

Mercoledì 7 ottobre alle ore 21 presso la Biblioteca ­(via Piave 5) Francesco Tampellini, presidente di CO-energia, terrà una conferenza sul tema "L'altra bolletta", durante la quale si parlerà di come produrre e consumare INSIEME energia elettrica da 100% fonti rinnovabili...ma non solo!  

In programma ci sono anche uno spettacolo teatrale sulla grande distribuzione (sabato 10) e un'esposizione di prodotti da agricoltura biologica, commercio equo-solidale e associazioni assistenziali oltre ad animazione e ristoro (domenica 11)

Pubblicato in Notizie

Prossimi incontri informativi

Nessun evento

CONTATTI

Se vuoi partecipare alle attività di CO-energia informati presso il referente del tuo GAS/DES o scrivi a:

info@co-energia.org

*

CERCA