Mercoledì, 01 Luglio 2015 02:00

Patto fiduciario tra Co-Energia ed è nostra

Il 21 giugno 2015 a Trieste, negli spazi dell'ex-Ospedale Psichiatrico che fu di Basaglia (oggi Parco di San Giovanni), nel contesto dell'INCONTRO NAZIONALE DI ECONOMIA SOLIDALE 2015, destinato agli attori delle Reti di Economia Solidale in Italia (in primis Gruppi di Acquisto Solidali e Distretti di Economia Solidale), è stato siglato un PATTO FIDUCIARIO tra l'Ass . Naz . "CO-energia – Progetti collettivi di economia solidale" e la Cooperativa "è nostra – Energia Condivisa".

In premessa al “colloquio” (come sono stati definiti i diversi seminari in programma nell'Incontro) è stato ricorda e ricostruito il lungo percorso intessuto di relazioni e confronti che ha condotto alla stipula di questo patto.

Il Patto consegue ad un lungo percorso di avvicinamento, iniziato nei primi anni 2000 tra CO-energia e la Coop. RETENERGIE e proseguito nel contesto del Progetto Europeo RESCOOP, finalizzato a mettersi in rete con le esperienze di cooperazione energetica, molto sviluppate nei paesi del nord europa, aggregandovi le nascenti pratiche di sovranità energetica dal basso presenti in italia. Questo percorso ha portato alla nascita di è nostra, che vede come soci fondatori "AVANZI – Sostenibilità per azioni" (Milano), Coop . RETENERGIE (Racconigi, CN), Ass . "ENERGO CLUB ONLUS – Dalle fossili alle rinnovabili" (Treviso), FORGREEN SPA (Verona).

Mirco Cavalletto (CO-energia) ha illustrato brevemente il dibattito interno alla Associazione e il percorso condiviso che ha portato alla stesura del patto fiduciario. Ha inoltre evidenziato, attraverso il paragone della cipolla biologica venduta dal contadino piuttosto che distribuita da un grossista, come anche per l’energia elettrica “verde” la percezione della bontà del prodotto è legata alla storia da cui deriva. E le storie di CO-energia ed è nostra hanno una radice comune.

Gianluca Ruggeri (è nostra) ha ricordato inoltre le sfide per la sostenibilità economica della cooperativa, le modalità di funzionamento, il quadro ideale e gli obiettivi di lungo termine che si pone, nel solco di analoghe iniziative che sono maturate in altri contesti europei e di relazioni intrecciate a livello nazionale a partire dal 2008.

Il Patto, stipulato in presenza di alcuni rappresentanti del Tavolo RES Nazionale, sancisce, pur in presenza di strumenti e ruoli diversi e percorsi paralleli, la comunanza di intenti al perseguimento del comune obbiettivo: la transizione e la sovranità energetica delle comunità territoriali, sulla base di risorse rinnovabili e processi solidali e sostenibili, ambientalmente, socialmente ed economicamente.

Esso prevede anche la sottoscrizione per adesione a 5 allegati:
1. Il Progetto “CO-energia – Consumare e produrre insieme energia da fonti rinnovabili”
2. Il Documento Base dei GAS
3. La Carta RES
4. La Legge Regionale Emilia Romagna per l'Economia Solidale
5. Il Documento “LE COLONNE DELL'ECONOMIA SOLIDALE”

In concreto si prevede:
• l'adesione di CO-energia ad è nostra come socio finanziatore;
• l'alimentazione del Fondo di Solidarietà e Futuro di CO-energia da parte di è nostra, in relazione alle forniture di energia stimolate da CO-energia;
• la partecipazione di CO-energia ad un Gruppo di Lavoro di è nostra, avente tema “Criteri di valutazione di imprese ed impianti”;
• la promozione in via prioritaria della fornitura di energia di è nostra, pur in presenza di altre strade di fornitura convenzionate da CO-energia;
• ampi impegni di reciprocità e sinergia dei due soggetti nel campo della comunicazione (siti web, conferenze, promozione, etc.) anche in relazione ad altri ambiti di fornitura oggetto di relazioni economiche solidali.

Un'energia “altra” è possibile ed......è nostra!

26 giugno 2015

Letto 1104 volte

Prossimi incontri informativi

Nessun evento